Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Milano in guerra

Durante il secondo conflitto mondiale, la guerra si abbatte in maniera dirompente sulle vite di milioni di donne e uomini, trasportandoli in una dimensione di violenza e distruzione. Se i soldati sono preparati ad affrontare questa dimensione, per i civili si tratta di qualcosa di inedito e sconvolgente. Tra le più colpite, la città di Milano ha dovuto subire i bombardamenti degli alleati, l’occupazione dei tedeschi e la repressione dei fascisti di Salò. Ma com’era Milano durante la guerra? I cittadini come hanno affrontato quelle dure condizioni? Quali strategie di sopravvivenza hanno adottato?  A questi interrogativi risponde la professoressa Chiara Colombini, con Michela Ponzani, a “Il Tempo e la Storia”, il programma di Rai Cultura in onda martedì 29 novembre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. I primi segnali della guerra sono le bombe che piovono dal cielo. Dal ’40 al ’45 Milano subisce numerosi e terribili bombardamenti. Nel ’43 le bombe distruggono alcuni dei simboli della città: la Scala e la Galleria. Nel ’44 la violenza della guerra si abbatte anche sui bambini: il 10 ottobre di quell’anno una bomba cade su una scuola elementare nel quartiere di Gorla, provocando 184 morti. Ma c’è anche chi vive la guerra come una strana avventura. Per il poeta Franco Loi e i suoi amici il conflitto rappresenta un processo di formazione: e proprio attraverso la guerra, i bambini iniziano a comprendere cos’è il fascismo e anche loro, con lettere e scritte sui muri, combattono una battaglia. Oltre ai bambini, sono le donne a subire i contraccolpi più violenti del conflitto; le donne vanno a lavorare nelle fabbriche per sostituire gli uomini, altre, invece, scelgono di entrare nelle formazioni partigiane e iniziano a combattere la loro resistenza contro i nazifascisti. Sì, perché la guerra è soprattutto violenza: fascisti contro antifascisti, tedeschi contro partigiani. La puntata è arricchita da straordinarie filmati d’epoca.

LIBRO: Andrea Damiano, “Rosso e Grigio” Il Mulino, 2000
LUOGO: Piazzale Loreto, Milano.  

FILM: Il Generale della Rovere, di Roberto Rossellini, 1959

Milano in guerra
con Chiara Colombini
di Giancarlo Di Giovine

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo