Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 
Accadde oggi - 02/03/1931

Mikhail Gorbaciov, l`uomo della svolta

Nasce in un villaggio nel sud della Russia, Mikhail Gorbaciov. Da studente, s’iscrive al Partito Comunista dell’Unione Sovietica e fa carriera velocemente. Nel 1985 è segretario generale, l’incarico più alto nella gerarchia del partito e del paese. È Gorbaciov ad avviare la stagione del rinnovamento dell’Unione Sovietica, caratterizzata dalle parole d’ordine “Glàsnost” (trasparenza) e “Perestròika” (ristrutturazione). Lanciate durante il XXVII congresso del Partito diventano presto il simbolo della volontà di porre fine alla guerra fredda e alla corsa agli armamenti tra Unione Sovietica e Stati Uniti. Il 15 Ottobre 1990, Gorbaciov è insignito del Premio Nobel per la pace. Rassegna le sue dimissioni da Capo dello Stato il giorno di Natale del 1991: poche settimane prima, l'8 dicembre 1991 i capi dei 3 maggiori stati sovietici ( Russia, Ucraina e Bielorussia) hanno firmato il trattato che sancisce la fine dell’Unione Sovietica. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo