Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Massimo racconta Troisi

Italiani

Paolo Mieli presenta

Massimo racconta Troisi

Di Alessandro Chiappetta

Un racconto della vita e della carriera dell’attore napoletano,raccontato dallo stesso Massimo Troisi, con il giovane attore Antonio Piccolo che da voce ai pensieri e alle riflessioni del comico napoletano.

Il racconto si intreccia con le più importanti e celebri apparizioni di Troisi in tv, con gli aneddoti dei suoi film e i volti degli amici più importanti – Roberto Benigni, Lello Arena, Gianni Minà, Enzo Decaro, Pino Daniele, Renzo Arbore – che con lui hanno condiviso una carriera breve ma ricca di momenti intensi, comici, poetici, sempre sospesi tra la delicatezza e la malinconia.

 

Massimo Troisi è infatti ancora un personaggio amatissimo dal pubblico, che viene ricordato con pudore e tenerezza da chi ha lavorato con lui. I suoi film sono spaccati della filosofia napoletana, indolente e fatalista e i suoi personaggi sono sempre stati uomini timidi, pigri e sognatori. Eppure, in tanti si sono riconosciuti nel personaggio dell’emigrante di “Ricomincio da tre”, o del timido corteggiatore di “Scusate il ritardo”, così come hanno dispensato sorrisi i racconti della sua famiglia, gli sketch di No-Stop con gli amici della smorfia, gli aneddoti della sua infanzia e dei suoi primi approcci col cinema.

Di Troisi è emerso sempre il suo lato malinconico e poetico, ma il Troisi che manca al pubblico, soprattutto quello napoletano, è anche un uomo irriverente e provocatore, che tra le righe riesce a parlare di politica e che si diverte a smontare i luoghi comuni su Napoli, sulla povertà, sulla famiglia. Un personaggio a tutto tondo appassionato di calcio e legatissimo alla sua terra, innamorato del cinema e del teatro, e che ha fatto della modestia, dell’umiltà e della discrezione, il suo stile di vita.

Il documentario ripercorre la carriera di Massimo, il suo rapporto con la città di Napoli, col dialetto e con le donne. I sodalizi più importanti della sua carriera, dagli inizi con la Smorfia fino alla collaborazione con Ettore Scola che l’ha voluto in tre suoi film. Per concludersi con la lavorazione de “Il Postino”, il suo capolavoro, il film che ha concluso poche ore prima di morire, nel 1994.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo