Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

L`atto finale del terrorismo

L’arresto di Patrizio Peci. Siamo all’atto finale della tragedia del terrorismo. Un atto finale che durera’ pero’ ancora molto a lungo. E’ forse la pagina piu’ sanguinosa innanzitutto. Dall’assassinio di Moro nel 1978, lo Stato e’ passato al contrattacco in modo molto deciso: legislazione anti-terrorismo, leggi sui pentiti e la formazione di una task-force guidata dal generale Dalla Chiesa. Un contrattacco che sta ormai portando dei colpi mortali all’organizzazione terrorista. Contemporaneamente si cerca, in questa lotta al terrore, di svuotare la vasca dove nuotano i pesci del terrorismo. Il che significa di combattere quel sovversivismo diffuso che faceva da copertura ai terroristi. Ma c’e’ anche un altro elemento da considerare, e l’elemento e’ il vuoto spontaneo che si comincia a contare nelle fila del terrorismo. Molti fiancheggiatori rimangono stupefatti dall’orrore e dall’inutilita’ di quanto avviene e sono sentimenti che condividono anche alcuni tra i militanti del terrore. Tra i quali alcuni cercano una via di scampo a un’esistenza perduta. E la resa dei conti e’ molto dura all’interno delle file del terrorismo dove un abbandono, una defezione significa veramente la fine.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo