Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

LA TECNOLOGIA NEL NOVECENTO. STORIA DELLA SCIENZA

Il ciclo di unità audiovisive dal titolo comune Storia della scienza, tratte dal progetto di Rai Educational Pulsar, propone il racconto, in ordine cronologico, delle radicali trasformazioni introdotte dalla scienza e dalla tecnologia nel corso del Novecento.
Lo scopo è quello di offrire agli insegnanti un supporto didattico che, oltre a sintetizzare i concetti basilari, ponga l`accento su un aspetto spesso trascurato dai libri di testo: la dimensione storica e culturale che ha favorito il progresso scientifico.
La conduttrice Virginie Vassart, in studio, introduce la domanda centrale dell`unità: "La tecnologia ha reso il Novecento diverso dagli altri secoli?" Domenico De Masi, professore di Sociologia del lavoro presso l`Università di Roma La Sapienza, spiega che il XX secolo è caratterizzato dalla "centralità del sapere", inteso come base del lavoro, dell`invenzione, della scoperta. Compito della ricerca è dunque la distribuzione del sapere. Vittorio Marchis, professore di Storia della tecnologia al Politecnico di Torino, sostiene che "indubbiamente la tecnologia ha aiutato l`uomo", contribuendo anche all`aumento della durata media della vita.
Una breve scheda filmata mostra l`altra faccia del progresso: le armi chimiche durante la prima guerra mondiale, il lancio delle bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki, l`esplosione della centrale nucleare di Chenobyl, i danni ambientali causati dall`effetto serra, generato dall`inquinamento atmosferico. Ormai, spiega Marchis, non si guarda più alla tecnologia con lo stesso ottimismo del primo Novecento: si è sviluppato un forte spirito critico e il concetto di rischio è la nota dominante che accompagna la riflessione sul progresso tecnologico negli ultimi anni.
L`unità si conclude con una breve intervista a Nicola Tranfaglia, ordinario di Storia dell`Europa all`Università di Torino. Alla fine del Novecento, sottolinea Tranfaglia, l`uomo si deve chiedere cosa vuole dal futuro: la conservazione del pianeta o la sua distruzione? La scienza al servizio dell`uomo o l`uomo al servizio della scienza?

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo