Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

LA STRAGE DI CAPACI

23 maggio 1992. Alle 17.56 lungo l’autostrada che collega Palermo all’aeroporto di Punta Raisi, all’altezza dello svincolo di Capaci, le auto su cui viaggiano il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta saltano

letteralmente in aria. A causare l’esplosione del tratto di autostrada sono 500 kg di tritolo. Oltre al magistrato e alla moglie perdono la vita gli agenti di scorta Vito Schifani, Antonio Montinaro e Rocco Dicillo. Una strage ordita dalla mafia. Una vera e propria dichiarazione di guerra allo Stato che proseguirà con la strage di Via d’Amelio, che meno di due mesi dopo colpisce il giudice Borsellino e gli uomini della sua scorta e gli attentati di Firenze, Roma e Milano del 1993.

LIBRO: “Cose di Cosa Nostra” di Giovanni Falcone  e  Marcelle Padovani,  Rizzoli - 1991
LUOGO: Capaci (PA)La stele commemorativa

FILM: “La mafia uccide solo d’estate”  di PIF, 2013

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo