Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

IL CONDANNATO, CRONACHE DI UN SEQUESTRO

Il 9 maggio alle 22.10 Rai Storia ricorda Aldo Moro con uno straordinario film documentario “Il condannato - Cronaca di un sequestro” di Ezio Mauro che ripercorre i 55 giorni che sconvolsero l’Italia, quelli del sequestro dell’allora Presidente della Democrazia Cristiana. Un racconto che inizia dal giorno precedente a quel fatidico 16 marzo 1978. Le Brigate Rosse, l’organizzazione terroristica di estrema sinistra costituitasi nel 1970, sono ormai agli ultimi preparativi del rapimento, mentre Aldo Moro si prepara alla cruciale giornata politica che lo aspetta l’indomani in Parlamento. Il suo progetto politico sta per compiersi con la fiducia al governo di solidarietà nazionale presieduto da Giulio Andreotti. Sono gli ultimi frammenti di vita da uomo libero del più importante uomo politico italiano. Dopo ci sarà solo il buio della “prigione del popolo”. Cinquantacinque giorni attraversati dalla schizofrenia di un paese posto di fronte alla decisione più difficile di sempre: trattare o non trattare con i terroristi. Ezio Mauro racconta gli eventi di quei mesi attraversando Roma il cuore fisico di questa tragedia italiana: da via Mario Fani, luogo simbolo del rapimento, fino al covo delle Brigate Rosse di via Camillo Montalcini, sede della “prigione del popolo” il luogo dove venne segregato l’Onorevole Moro nei 55 giorni. La ricostruzione vedrà la sua drammatica conclusione nel centro storico capitolino, tra la sede di Democrazia Cristiana a Piazza del Gesù e quella del PCI a via delle Botteghe Oscure: via Michelangelo Caetani dove il 9 maggio 1978 viene rinvenuto il corpo senza vita del Presidente della Democrazia Cristiana nella Renault 4 rossa. Il racconto di Ezio Mauro sarà impreziosito da materiali di repertorio unici. Le lettere autentiche scritte dal Presidente, i comunicati originali delle BR, le armi usate dai brigatisti per eseguire la sentenza e le automobili diventate simbolo della vicenda: la Fiat 130 in cui viaggiava Moro il giorno del sequestro, l’Alfetta della scorta crivellata dai colpi e la Renault 4 rossa. Inoltre foto d’epoca selezionate da vari archivi fotografici e il repertorio video dell’Archivio del Movimento Operaio fino ai servizi originali dei telegiornali Rai scelti grazie ad un attento lavoro di ricerca e documentazione. Una cronaca rigorosa e coinvolgente di quei giorni del 1978 per rivivere una delle pagine più dolorose della storia italiana.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo