Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

Caravaggio. Il corpo ritrovato

Gli ultimi anni del Caravaggio, il pittore “maledetto”, la sua morte e il presunto avvelenamento da piombo, tra miti da sfatare e circostanze da chiarire. Ne parla il documentario “Caravaggio” per il ciclo “a.C.d.C.” su Rai Storia, con un’introduzione del professor Alessandro Barbero. Caravaggio, dall’indole notoriamente violenta, viene coinvolto in molte risse e anche arrestato. Arriva perfino a commettere un omicidio. Lo Stato Pontificio lo mette al bando, costringendolo a lasciare Roma. Si trasferisce successivamente a Napoli dove viene trattato come una celebrità – a differenza di chi sostiene che abbia vissuto da fuggiasco l’ultimo periodo della sua vita - e continua a ricevere ingenti somme di denaro per i suoi quadri. La sua fine è avvolta dal mistero: si ipotizza un avvelenamento da piombo, sostanza presente in grandi quantità nei colori usati all’epoca e, ancora, si dice sia scomparso nel nulla da Porto Ercole, dove si trovava nel 1610. Da qui un’emozionante caccia per ritrovare le sue ossa e scoprire cosa gli sia successo realmente. Attraverso analisi del DNA, ricerche e analisi scientifiche, il documentario fa luce sulle leggende e le teorie che aleggiano da tempo attorno alla figura del pittore.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo