Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Binario Cinema - Rommel

Erwin Rommel: una figura storicamente controversa, soprattutto per gli interrogativi che circondano la sua tragica uscita. Una storia raccontata – con particolare attenzione ai suoi ultimi sette mesi di vita – da “Rommel”, il film diretto da Niki Stein nel 2012 con Ulrich Tukur nei panni del protagonista, che Rai Cultura propone domenica 5 febbraio alle 21.10 su Rai Storia per “Binario Cinema”.

Nato il 15 novembre del 1891 e morto il 14 ottobre del 1944, Erwin Rommel fu uno dei più popolari comandanti dell'esercito del Terzo Reich, e uno dei militari più amati da Adolf Hitler. Semplice tenente durante la Prima Guerra Mondiale, nella Seconda Guerra Mondiale, dopo aver partecipato alla campagna di Polonia prestando servizio presso il quartier generale del Fuhrer, prima si distinse nella Campagna di Francia, al comando della 7a divisione corazzata (una delle punte di diamante dell'avanzata nazista), quindi in Nord Africa, a capo degli Afrikakorps, dove per quasi due anni, dall'aprile del 1941, grazie alle sue non comuni abilità tattiche e operative, inanellò una serie di vittorie sull'esercito britannico talmente clamorose da valergli l'appellativo di "Volpe del deserto" e la nomina a Federmaresciallo.

Richiamato in Europa con l'incarico di dirigere le operazioni di difesa del cosiddetto "Valle Atlantico", cioè di contrastare un’eventuale tentativo di invasione degli alleati nel nord della Francia, dopo lo sbarco di Normandia venne accusato di aver partecipato al fallito complotto contro Hitler del luglio del 1944, e perciò indotto a suicidarsi.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo