Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

1938-1945 Alpi. Una via di fuga

Per la loro natura di montagne e di confine, le Alpi sono state, lungo l’intero arco della loro storia millenaria, un inevitabile crocevia di incontri e di scambi, ma anche terra di rifugio e di asilo per i “devianti”. Prerogative raccontate dalla professoressa Barbara Berruti e da Michela Ponzani a “Il tempo e la Storia”, in onda giovedì 24 novembre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Nella prima metà del XX secolo la struttura economica dell’habitat montano mette in luce la permeabilità della frontiera: flusso di lavoratori stagionali, fiere, transumanza e contrabbando creano le condizioni ambientali per l’accoglienza di rifugiati e perseguitati. Durante la seconda guerra mondiale a muoversi lungo il confine alpino sono soprattutto gli ebrei, i prigionieri alleati e dal 1944 anche i partigiani italiani in fuga dagli imponenti rastrellamenti tedeschi.

Libro: Le Alpi, di Marco Cuaz, il Mulino,
Luogo: La Val di Lanzo

Film: Fuga in Francia, di Mario Soldati (1948)

 

1938-1945 Alpi. Una via di fuga
con Barara Berruti
di Giorgio Taschini

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo