Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Pistoia capitale italiana della cultura (1^)

Una puntata speciale per raccontare la città Capitale italiana della Cultura 2017. Una città a passo d’uomo, Pistoia. Riservata, che non ostenta, e che ha mantenuto intorno al suo cuore medievale, una cintura verde costituita dalle montagne che la cingono a nord e dalla produzione vivaistica, sviluppatasi nella sua piana produttiva. Un comune che vanta un illustre primato: proprio quest’anno Pistoia festeggia i 900 anni del suo Statuto dei consoli del 1117, la più antica raccolta di leggi dell'età Comunale, pervenuta fino ad oggi.
La Pistoia medievale e rinascimentale rivive nei suoi palazzi storici (il Palazzo Comunale, il Palazzo  del Tribunale e il Palazzo dei Vescovi); nelle sue chiese (la  Cattedrale con le reliquie del patrono San Jacopo, la Chiesa di Sant’Andrea con il celebre pulpito di Giovanni Pisano, uno dei capolavori della scultura gotica e il Santuario Basilica Madonna dell’Umiltà con la sua inconfondibile cupola realizzata dal Vasari). E nell’antico ospedale trecentesco del Ceppo, oggi oggetto di un’importante restauro e valorizzazione.
Uno scenario medievale che convive con una grande vivacità dell’arte contemporanea, che trova a Pistoia importanti testimonianze: nelle opere del pistoiese Marino Marini e nella vasta ed esemplare operazione di arte ambientale della Fattoria di Celle.
Ma Pistoia è anche una città laboriosa, di antiche tradizioni operaie, che ha visto nella sua principale fabbrica di treni non soltanto il suo più importante centro industriale e produttivo, ma anche un motore di crescita politica e sociale che ne ha forgiato l’identità e la storia.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo