Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La lega anseatica tedesca, una superpotenza segreta

Oggi sopravvive ancora una H (iniziale di Hanse) sulle targhe di quelle che furono le principali città anseatiche tedesche: Amburgo, Brema, Rostock, Lubecca. La lega anseatica, una vera superpotenza segreta, e la storia dei commercianti che nel Medioevo riuscirono a realizzarla sono al centro dei doc proposti da “a.C.d.C.”, con il professor Alessandro Barbero, in onda giovedì 29 settembre e giovedì 6 ottobre alle 21.10 su Rai Storia. All’inizio del XII secolo alcuni commercianti si riunirono in gruppi per proteggere i traffici commerciali dai pericoli delle strade, ottimizzare i percorsi e migliorare le condizioni dell’import-export. “Il tempo è denaro”. Il motto valeva già ai tempi di Federico Barbarossa, il quale, riconosciuta la validità di queste associazioni, le munì di privilegi ed agevolazioni fiscali. Nel periodo d’oro ne facevano parte più di 200 città e, nonostante non esistessero norme legislative, si operava con metodi economici per raggiungere i propri scopi. Nemici e concorrenti venivano puniti con boicottaggi e chiusura dei porti, in casi estremi si ricorreva all’uso delle armi. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo