Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

LUTERO IL RIBELLE

Sono passati esattamente 500 anni dalla comparsa dell’atto da cui prende il via la riforma protestante. Il 31 ottobre del 1517, a Wittemberg, Martin Lutero pubblica infatti le sue 95 tesi, con le quali si oppone alla prassi delle indulgenze, al supposto potere del papa sulle anime del purgatorio e alla venalità della curia romana. Un passo epocale che il professor Alberto Melloni rilegge con Paolo Mieli a “Passato e Presente”, il programma di Rai Cultura in onda su Rai3 e su Rai Storia.
In primo piano le vicissitudini di Martin Lutero da quel momento in poi: mentre le sue tesi si diffondono in Europa, egli viene imputato di eresia. Il processo si tiene in Germania ed è Carlo V a condannarlo come eretico e nemico della cristianità. 
Sembra la fine per Lutero, che invece riesce a sottrarsi all’arresto con una fuga rocambolesca e l’aiuto del suo protettore, il principe di Sassonia, Federico il Savio. Lutero resta nascosto per dieci mesi, durante i quali si dedica alla traduzione della Bibbia. La prima edizione viene pubblicata nel settembre del 1522, e da allora fino al 1546, ne vengono editate più di 400, per un totale di mezzo milione di copie. E’ l’inizio del più grande scisma della Chiesa cattolica romana.