Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

IL DUCE E L’AMERICA

Rapporti cordiali, ottimi addirittura, intercorrono per almeno un decennio, tra l’Italia fascista e gli Stati Uniti d’America, che subiscono soprattutto il fascino di Benito Mussolini, il duce del fascismo, baluardo dell’anticomunismo in Europa. Un periodo ricostruito dal professor Mauro Canali con Paolo Mieli a “Passato e presente”, il programma di Rai Cultura in onda venerdì 13 ottobre alle 13.15 su Rai3 e alle 20.30 su Rai Storia. Dalla marcia su Roma e almeno fino alla seconda metà degli anni 30, le relazioni tra la democrazia americana e la dittatura fascista si mantengono su un buon livello di sintonia sui principali temi politici ed economici, che segnano il miglior momento proprio sotto la presidenza di Franklin Delano Roosevelt. Ma la guerra d’Etiopia nel 1935, la successiva guerra di Spagna e soprattutto il lento e inesorabile avvicinamento di Mussolini alla Germania di Adolf Hitler rendono gli americani sempre più diffidenti nei confronti del Duce. Fino alla rottura inevitabile e insanabile dell’entrata in guerra dell’Italia a fianco del III Reich il 10 giugno 1940, per Roosevelt una vera e propria pugnalata alla schiena.