Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Gustave Le Bon - l’era delle folle

Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, con l’industrializzazione, la crescita demografica e l’affermarsi delle dottrine socialiste, le masse irrompono per la prima volta nella Storia e premono per diventarne protagoniste. Lo scrittore francese Gustave Le Bon è tra i primi a fare i conti con questo fenomeno.

A lui è dedicata la puntata di “Il Tempo e la Storia”, il programma di Rai Cultura condotto da Massimo Bernardini.

Il professor Emilio Gentile approfondisce i contenuti dell’opera principale di Le Bon, “La psicologia delle folle”, del 1895, che tenta di indagare scientificamente i comportamenti collettivi mettendone in luce le dinamiche e i caratteri irrazionali.

L’ascesa delle masse è un processo inarrestabile e preannuncia l’inizio di una nuova era: l’era delle folle.

Dopo la sua morte, nel 1931, Gustave Le Bon e le sue riflessioni vengono dimenticati e i manuali di sociologia si limitano a dedicargli poche righe. Ma nell’ottobre del 2009, il quotidiano francese Le Monde inserisce “La psicologia delle folle” nella classifica dei “venti libri che hanno cambiato il mondo”, insieme a “L’origine della specie” di Charles Darwin, a “Come vedo il mondo” di Albert Einstein e al “Manifesto del Partito Comunista di Marx ed Engels”.
 

Gustave Le Bon - l’era delle folle

con Emilio Gentile

di Sabrina Sgueglia della Marra

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo