Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Famiglia famiglie. Tradizione e modernità

Una comunità legata da rapporti di convivenza e parentela, un gruppo sociale caratterizzato da residenza comune, cooperazione economica e riproduzione. Fin qui, la semplice definizione antropologica o sociologica di “famiglia”. Ma cosa si cela dietro questa parola? Come è cambiato il suo senso? Quali mutamenti culturali ha subito nel tempo? Come è diventata “allargata” o “nucleare”? Domande alle quali risponde la nuova serie di Rai Cultura “Famiglia Famiglie”, in onda su Rai Storia. Al centro del primo appuntamento - “Tradizione e modernità” – obiettivo  sulla formazione della famiglia italiana nel corso degli ultimi 150 anni. Dal codice Pisanelli del 1865, il primo dell’Italia unita e il primo a dedicare specifiche norme alla famiglia, al codice civile del 1942, alle grandi riforme degli anni ’70, alla legge sulle unioni civili del 2016.

Attraverso le voci di sociologi, demografi, giuristi, esperti di diritto canonico, storici e psicologi, vengono ricostruite le tappe evolutive dei cambiamenti della società e i grandi mutamenti delle modalità di formazione delle famiglie a seconda dei parametri storici, economici, politici e geografici del Paese.

Fare famiglia non sempre è stato uguale: la società rurale di inizio ‘900 si reggeva su regole non scritte ereditate da secoli di cultura contadina, la popolazione urbana e postindustriale ha stravolto quella cultura e ha proiettato la famiglia nella modernità pur mantenendo vive molte tradizioni e molti legami culturali del passato.

Le riforme degli anni ’70, su tutte quella del diritto di famiglia, hanno gettato le basi della parificazione dei ruoli e hanno avvicinato il modello italiano di famiglia a quello contemporaneo.

La più grande rivoluzione tuttavia, è quella della legge sulle unioni civili, capace di scardinare nel profondo una società in continua trasformazione.

“Famiglia Famiglie” è un programma di Fabrizio Marini, Brigida Gullo, Marta La Licata, Giuliana Mancini, Daniele Ongaro, Enrico Salvatori e Bruno Testori, con la consulenza di Marzio Barbagli e Nicola Maranesi e la collaborazione di Roberta Sangermano. Regia di Ai Nagasawa e Fedora Sasso.

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo