Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

RESTA SEMPRE AGGIORNATO
 

DIARIO CIVILE - Acciaio e terrore, le Brigate rosse a Milano

Il racconto vuole approfondire l’ascesa e la crisi delle Brigate Rosse milanesi, mettendole in contrapposizione con le altre colonne (Genova, Roma, Torino). Vuole indagare la nascita all’interno delle fabbriche, a cominciare dallo scenario di Sesto San Giovanni, sul modo in cui le organizzazioni terroristiche si sono infiltrate nel mondo della fabbrica. Ma anche “fotografare” la realtà del mondo del lavoro negli anni 70, dalla crisi energetica alla abolizione delle gabbie salariali, per inquadrare e raccontare il contesto in cui poi le formazioni terroristiche si sono mosse.

Un percorso che arriva al baricentro della nostra storia, l’omicidio del brigatista Walter Alasia, ucciso in un conflitto a fuoco il 14 dicembre 1976, in cui morirono anche due poliziotti, Padovani e Bazzega. Da lì in avanti, la colonna milanese porterà il nome di Walter Alasia, e compirà attentati in discontinuità con le restanti cellule brigatiste.

Il documentario attraversa 10 anni della storia di Milano, le uccisioni di Renato Briano, Manfredo Mazzanti, e Luigi Marangoni, il sequestro di Renato Sandrucci, uomini di azienda, direttori sanitari di ospedali, a testimoniare una strategia terroristica diversa da quella di altre organizzazioni che miravano a poliziotti o magistrati.

Un periodo nel quale le divisioni tra le colonne si fanno più pressanti e pesanti e in cui i brigatisti milanesi possono contare su un vero e propri esercito di fiancheggiatori. Anni che diventano centrali per la storia del terrorismo italiano, in cui si verifica anche la crescita di Prima Linea, che proprio a Milano compirà i suoi attentati più cruenti. A raccontare questi anni, uno dei poliziotti colleghi di Bazzega e il figlio di quest’ultimo, Giorgio Bazzega: Francesca Marangoni, figlia di Luigi Maragoni. E ancora, il Procuratore della Repubblica di Torino, Armando Spataro, a Milano negli anni del terrorismo, gli storici Andrea Saccoman e Paolo Colombo, i giornalisti Fabrizio Ravelli e Pino Casamassima. E Fausto Bertinotti, nato a Sesto San Giovanni e segretario regionale della CIGL Piemonte negli anni 70.

Le Br avranno un declino corrispondente alla crisi delle fabbriche, susseguente alle misure di contrasto eseguite dal nucleo interforze del generale Dalla Chiesa a cominciare dalla scoperta del covo di via Montenevoso, dove vengono arrestati alcuni dei brigatisti milanesi. Il processo del 1984 porta alla sbarra 112 persone, ma a Milano ha poco seguito. La città è stanca, ferita e provata da 15 anni di terrorismo, e guarda oltre. Siamo già alla “Milano da bere”.

DIARIO CIVILE  - Acciaio e terrore, le Brigate rosse a Milano
Di Alessandro Chiappetta, regia di Agostino Pozzi

Vedi le altre puntate

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo